Attimi sospesi

Si anima il sentiero infinito della vita mediante le suggestioni naturalistiche, che l'artista Giuliana Borsi imprime nell'opera Sospesi.
La ricerca della Borsi si infittisce nell'assetto naturalistico, l'artista riesce ad assemblare due stili pittorici differenti che si frammentano nella resa lineare dei tronchi degli alberi ed in quella informale delle fronde. Il passaggio tangibile prende vita mediante la gestualità cromatica che sconfina nell'astrazione della mente.
Analizzando il titolo, la sospensione a cui la Borsi allude è quella ritmata dalle campiture orizzontali che scandiscono un paesaggio indefinito, allusione a quei momenti della vita in cui si smarrisce il proprio sentiero interiore.
La perdita dell'orizzonte scandita anche dai momenti complessi vissuti in questo anno.
È un viaggio nell'essenza vitale mediante la narrazione poetica scandita dalla texture cromatica, frutto di una gestualità pittorica che si anima per mezzo delle riflessioni intrinseche dell'artista.
Osservando il ritmo cromatico delle fronde degli alberi, si noti come l'artista abbia tratto ispirazione impressionista, ove le “macchie” di colore assumono la funzione, nella giustapposizione tonale delle stesse, di modulare un movimento dinamico all’interno della struttura del dipinto.
Dott.ssa Elisabetta La Rosa

Flusso Vitale

Sinergie vitali si animano mediante il gesto artistico di Giuliana Borsi nell'opera Flusso vitale. La vita è un'avventura straordinaria dalla nascita alla morte, un processo in divenire che si anima come un battito d'ali sul cielo del tempo dell'essenza umana.
L'artista invita l'osservatore a riflettere sul respiro della propria vita, il tempo è infinito e scorre come quella gettatezza cromatica che la Borsi scandisce nel riverbero dello studio cromatico.
Tecnicamente si noti come l'artista abbia realizzato l'opera sulla scia del momento, animata da sentimenti contrastanti, il colore scivola sul supporto, ora si agglomera, ora defluisce libero come quei pensieri della mente che, come linfa vitale, scandiscono i rintocchi vitali di ogni essere umano.
E sul respiro della vita l'anima defluisce libera, incontaminata, al di sopra delle sovrastrutture interiori.
Dott.ssa Elisabetta La Rosa
Storica dell'arte

L'anima nell'arte

L'anima è come la luna, ricca di fascino e di meraviglia, capace di influenzare la marea mediante la forza di gravitazione universale che vede due qualsiasi corpi attrarsi in maniera reciproca in funzione della propria massa e della distanza che li separa."Dillo alla Luna" un'opera capace di incantare ed influenzare l'occhio attento di chi la osserva, interessante è la brillantezza cromatica che conferisce un'impronta realistica alla composizione. Osservando la texture cromatica si noti come l'artista abbia marcato l'assetto materico del colore. Interessante è lo studio luministico del colore, Giuliana Borsi riesce a rendere magistralmente il riverbero della Luna sul mare.
Dal punto di vista simbolico la luna è considerata lo specchio delle emozioni e dei desideri più reconditi, incanalando l'osservatore nelle profondità dell'Io evocando una parvenza di sacralità che coniuga la matrice tangibile a quella ancestrale.
L'artista risveglia gli animi mediante l'intensa carica simbolica che assembla la luna con l'acqua, evocando la vita stessa , in costante evoluzione così come le fasi lunari: processo di trasformazione e rigenerazione.

Dott.ssa Elisabetta La Rosa
Storica dell'arte


Il divenire dell'anima

Cromatismi essenziali vertono verso l'alto, l'artista suddivide la tela mediante geometriche cromie bicrome dando vita all'opera Nuovi orizzonti.
L'artista da vita ad una narrazione materica, il colore si addensa e protende verso l'alto come se l'artista avesse voluto indicare all'osservatore il percorso in salita della vita, mostrando l'incipit per un nuovo inizio, nuovi orizzonti.
Giuliana Borsi da voce al suo animo, non mostrando l'orizzonte ma il percorso che conduce ad un nuovo capito. Una narrazione che si pone come un'esigenza per l'artista, il bisogno di narrare la vita seguendo l'essenzialità dei colori.
Interessante è anche il richiamo filosofico che emerge nel rapporto fenomenico fra individuo e cromatismi, quali voce dell'animo e liberazione dello spirito. L'artista, mediante la contrapposizione di colori cupi e chiari vuole incarnare ancora di più l'altalenarsi della vita richiamando i momenti di tempesta e quelli di quiete interiore che articolano quel divenire della vita.

Le cromie essenziali di Giuliana Borsi

Forme cromatiche evanescente, che si concatenano mediante l'addensarsi del pensiero dell'artista Giuliana Borsi.
La stesura dinamica del colore diventa la voce dell'artista che, mediante la propria indagine sull'Io umano, mostra la sua visione degli sguardi. 
L'occhio come specchio dell'anima, sinonimo dell'interiorizzazione delle istanze psichiche di matrice psicanalitiche.
La tavolozza si scurisce, l'artista è indotta a lasciar libero l'osservatore dalla suggestione cromatica vertendo all'essenzialità del colore e della forma.
Egredisce il pensiero che si fa linfa vitale del tessuto cerebrale della Borsi. Così l'artista invita l'osservatore ad indagare sui propri spazi interiori, mediante l'analisi introspettiva della propria anima.


Dott.ssa Elisabetta La Rosa