Le forme dell'Io

Si anima il pensiero materico dell'artista Valerio Miari che narra se stesso mediante l'irruenza del colore.
Città di ghiaccio, un'opera dai connotati materici, il colore si fa veicolo di emozioni intense.
Tecnicamente l'artista antepone cromatismi dai connotati chiari che vertono verso l'imbrunirsi del cielo notturno.
Una città di ghiaccio che delinea il paesaggio interiore, nella sua valenza simbolica il ghiaccio quale stato emotivo intriso anche di negatività, celando una sorta di misticismo secondo il quale l'universo è intriso di una forte carica spirituale.
La composizione è frammentata, l'artista lavora mediante la spatola ma in alcuni punti lascia defluire il colore sul supporto che letteralmente sgocciola sulla tela.
La narrazione cromatica viene interrotta dal colore rosso, che come uno squarcio nell'anima, frammenta la narrazione pittorica.
Dott.ssa Elisabetta La Rosa
Storica dell'arte