Divenire materico

La matrice della mente si specchia in quella naturalistica, la natura e l'eco pulsionale dei sentieri della mente.
Nell'opera Le Cascate di Cinzia Ruzzetti l'artista astrae l'essenza materica dei pensieri della mente traslitterandoli in materia cromatica, assemblata mediante il suo sentire pittorico.
Il colore è il veicolo figurativo dell'essenza pittorica, la poetica gestuale dell'artista si materializza per mezzo del pensiero e riverbera nel tratto cromatico questa volta denso, dove  il colore sembra emergere al di fuori del supporto.
L'artista lascia scivolare la materia, la assembla assecondando la sua percezione, la scolpisce nel supporto incidendo per sempre le sue suggestioni.
Dal punto di vista psicologico la cascata incarna la rottura della staticità, il movimento dell'animo nella proiezione del suo futuro, incipit del dinamismo dell'essere umano animato dalla voglia di infrangere il proprio equilibrio per superare le barriere interiori.
L'artista invita l'osservatore ad aprirsi al divenire della vita, al domani con fiducia e speranza senza timore di riassestare nuovi equilibri vitali.
Dott.ssa Elisabetta La Rosa
Storica dell'arte

L'emozionalità cromatica

"Una città non è disegnata, semplicemente si fa da sola. Basta ascoltarla perché la città è il riflesso di tante storie." - Renzo Piano
Silenziosa si anima la città interiore che egredisce mediante la forza della spatola, capace di incidere la forza di un pensiero su tela.
Tecnicamente l'artista Cinzia Ruzzetti da vita ad una narrazione armocromatica, articolando le variazioni di colore che delineano lo specchio del proprio Io.
Il pensiero si fa arte, raccontando il percorso di ognuno di noi quale riflesso delle sfumature dell'inconscio che porta verso i sentieri dell'anima, alla scoperta di se stessi. Le campiture verticali suggellano l'aspirazione umana verso quel divenire che conduce alla rinascita, il colore scivola sul supporto si traspone in materia divenendo l'ossigeno di cui la mente si nutre, diventa un racconto, una storia, l'impeto emozionale che da vita alla fenomenologia dello spirito dove il dinamismo della mente diventa materia liquida su tela, traslitterando il concatenarsi dei colori al fine di raggiungere la verità della propria coscienza spirituale.
Dott.ssa Elisabetta La Rosa
Storica dell'arte